Xbox One X

Console più attesa
Xbox One X
Segui Acquista su Amazon
9

Voto Utenti

Microsoft pubblica i benchmark di Xbox One X: porting in 4K di giochi Xbox One senza ottimizzazioni con la GPU ancora libera

Microsoft pubblica i benchmark di Xbox One X: porting in 4K di giochi Xbox One senza ottimizzazioni con la GPU ancora libera

Digital Foundry, il canale tematico tecnico di Eurogamer, ha diffuso i test effettuati da Microsoft su Xbox One X inerenti i giochi non ottimizzati e portati sulla nuova console con codice sorgente proveniente da One standard.

I risultati sono sorprendenti a testimonianza di quanto sia effettivamente potente, e di facile programmazione, la nuova variante di One.

Nonostante Microsoft non abbia diffuso i nomi dei giochi provati, il Digital Foundry attraverso delle analisi è riuscito a risalire alle demo utilizzate.

I primi tre giochi che hanno fatto da stress test su One X sono stati Forza Motorsport 7, ReCore e Gears of War 4 tra i first party più importanti, Star Wars Battlefront (Title H) e Assassin’s Creed Origins (Title D) tra quelli di terze parti.

La telemetria è stata studiata attraverso il software PIX del devkit di Xbox, che traccia il tempo per renderizzare un singolo frame su schermo, istante per istante.

Da aggiungere poi che si tratta di analisi che hanno già diverse settimane sulle spalle, eseguite con kit di sviluppo non ancora completi, con engine non potenziati e con la totale assenza di ottimizzazione del codice su Xbox One X: si tratta di porting veloci “dati in pasto” alla nuova console.

Ad esempio Forza Motorport 7 (Title B) e Gears of War 4 (Title C), sono stati portati alla risoluzione nativa 4K e nel primo caso il benchmark segnala un utilizzo della GPU del 65.9% e frame rate di 91fps al secondo, con ancora tanta potenza computazionale da poter utilizzare per filtri, fisica ed effettistica varia.

Nel secondo caso, ossia con Gears 4, abbiamo invece un utilizzo della GPU dell’84.1% per 38fps, quindi anche qui c’è ancora molto spazio per implementare dettagli aggiuntivi.

Tempo espresso in millisecondi per generare un fotogramma con Xbox One (blu) e con Xbox One X a 2160p (rosso). Il valore più basso indica migliori prestazioni.

Altri test mostrano come Xbox One X, già senza giochi patchati ed ottimizzati, riesca a gestire senza problemi il 4K nativo di titoli già a 1080p su Xbox One liscia, per i titoli a 900p c’è da mettere mano al codice, ma si tratta di inezie mentre per i giochi nativi a 720p su One (come Battlefront) la situazione è più complessa, con il raggiungimento dei 4K a discapito del frame rate, bloccato a 38fps nel caso dello shooter di EA DICE.

FPS in frame time con Xbox One e con Xbox One X. Il valore più alto esprime un risultato migliore.

Da sottolineare come in tutti i casi si faccia riferimento unicamente ai test sulla GPU, quindi non rientrano nei benchmark CPU e memoria, ivi compresa la eSRAM che, come sappiamo, su One X è mappata virtualmente sulla GDDR5.

Scrittore di successo, filosofo, videogiocatore sin dalla notte dei tempi. Tra un libro e un altro si diletta a sfogare la sua ira ludica prettamente su PC, nonostante un passato di grandissimo estimatore di Xbox.

Lost Password