Xbox One X

Console più attesa
Xbox One X
Segui Acquista su Amazon
9

Voto Utenti

Editoriale: I media scoprono l’acqua calda, non tutti i giochi andranno in 4K nativi su Xbox One X, peccato che Microsoft l’abbia sempre detto

Editoriale: I media scoprono l’acqua calda, non tutti i giochi andranno in 4K nativi su Xbox One X, peccato che Microsoft l’abbia sempre detto

Forse non aspettavano altro, ma sono bastate rispettivamente una dichiarazione di Ubisoft e la pagina ufficiale web di Xbox One X per scatenare alcune testate giornalistiche videoludiche in un evidente stato di tripudio pre-adolescenziale.

E sui social è già partita la caccia alle streghe ai danni di Microsoft perché “ecco, lo sapevamo, era solo marketing e anche One X non riesce a gestire i 4K nativi”.

Era solo questione di ore affinché la bassezza professionale di alcuni individui esplodesse online, e così è stato, tra editoriali e notizie generiche circa l’incapacità della nuova Xbox di garantire “il vero 4K” come tanto sventolato da Microsoft anche in occasione del recente E3 2017.

Ma è la scoperta che la Terra non è piatta, o meglio, che l’acqua può essere anche calda perché la cosa non è così sconcertante come alcuni vogliono farla apparire.

In più di una occasione Microsoft ha comunicato che non vi sono vincoli sulla risoluzione e su come debba essere sfruttata la potenza di Xbox One X.

Se una software house ritiene opportuno abbassare il numero di pixel in favore del frame rate è libero di farlo, così come sacrificare i filtri per mantenere invece i 4K nativi.

Insomma, Xbox One X non pone obblighi in questo senso e i 6 TFLOPS di potenza computazionale sono solamente a disposizione dello sviluppatore.

Sappiamo ad esempio che già una vagonata di quasi 100 titoli gireranno in 4K nativi su One X, tra patch post lancio o titoli che arriveranno postumi con supporto alla nuova console.

Così come sappiamo che ARK: Survival Evolved girerà a 1080p ma a 60fps.

Dove starebbe la pietra dello scandalo? Semplicemente che Ubisoft ha svelato che il prossimo Assassin’s Creed: Origins sfrutterà una risoluzione dinamica su One X, che partirà dai 4K nativi salvo poi scendere di risoluzione nei momenti più complessi per garantire la fluidità del gioco.

Inoltre il gioco della software house francese ha ancora tempo per essere ottimizzato e la build incriminata è la versione alpha, quella mosotrata all’E3 2017.

E dire che su PS4 Pro i 4K nativi non verranno mai toccati poiché il gioco parte da una risoluzione nettamente più bassa, molto probabilmente 1800p per scendere sotto questi valori.

Di cosa stiamo parlando quindi? Del sensazionalismo di alcune redazioni che non perdono tempo per generare confusione e console war o perché incapaci di entrare nei dettagli… o perché più semplicemente fa comodo così…

Il nucleo di Project Xbox, la mente coordinatrice di tutte le attività sul sito nonché unica voce in grado di custodire o maltrattare i singoli redattori. L’autorità massima, indiscutibile e fan di Microsoft.

Lost Password